English
riduci dimensioni caratteri aumenta dimensioni caratteri reset a dimensione standard

Gestione integrata e multifunzionale dei cedui di castagno

 

Rete Rurale Nazionale

Scheda Foreste 22.2.1.C

Cedui di castagno

 

18 Novembre 2016

CREA - Centro di ricerca per le Foreste ed il Legno

Viale Santa Margherita 80

Arezzo

 

Il Seminario, organizzato dal CREA nell'ambito delle attività finanziate dalla Rete Rurale Nazionale, ha lo scopo di presentare gli avanzamenti della ricerca in campo selvicolturale e tecnologico, le necessità delle imprese, le difficoltà e le opportunità operative nelle realtà territoriali castanicole, gli strumenti normativi a disposizione dei proprietari e dei gestori e l'importanza della rete rurale per lo sviluppo della filiera castanicola, attraverso un confronto tra i vari portatori di interesse. Un confronto che delinei risposte adeguate ad un problema che presenta criticità crescenti e la cui soluzione passa da una gestione integrata e multifunzionale dei cedui di castagno.

 

RELAZIONI

 

Marco Conedera (Istituto Federale di Ricerca per la Foresta, la Neve e il Paesaggio, WSL, Cadenazzo, Svizzera)

La castanicoltura Europea tra passato e futuro

Link

 

Mario Pividori (TESAF Università di Padova)

La rinnovazione da seme come possibilità per aumentare la resilienza dei popolamenti cedui di castagno: un caso di studio in Veneto

Link

 

Alberto Maltoni, Barbara Mariotti, Andrea Tani (GESAAF Università di Firenze)

Le cultivar da legno di castagno: conoscenze e prospettive

Link

 

Luigi Portoghesi, Walter Mattioli (DIBAF Università della Tuscia, Viterbo)

Esigenze di innovazione nella gestione selvicolturale dei cedui castanili del centro sud Italia

Link

 

Maria Chiara Manetti, Claudia Becagli, Tessa Giannini, Francesco Pelleri (CREA Foreste, Arezzo)

Approcci selvicolturali per una gestione multifunzionale dei boschi di castagno e per la riqualificazione dei territori rurali

Link

 

Michele Brunetti (CNR Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree, Firenze)

Il legno di castagno nelle costruzioni: nuove opportunità e vecchie criticità

Link

 

Giuseppina Di Giulio, Giovanni Signorini, Maria Chiara Manetti, Marco Fioravanti (GESAAF Università di Firenze e CREA Foreste, Arezzo)

Relazione fra modelli di gestione selvicolturale e qualità del legno di castagno

Link

 

Manuela Romagnoli, Vittorio Vinciguerra (DIBAF Università della Tuscia, Viterbo)

Biomassa residua e chimica verde: un’opportuna per l’innovazione con il legno di castagno

Link

 

Piergiuseppe Montini (UC Amiata Val d’Orcia, Piancastagnaio, Siena)

La selvicoltura nei boschi di castagno nell’Amiata senese

Link

 

Antonio Ventre (UC Valdarno e Valdisieve, Rufina, Firenze e Associazione Foresta Modello delle Montagne Fiorentine)

Il castagno nella Montagna Fiorentina tra problemi e opportunità Il punto di vista delle imprese

Link

 

Pompeo Pesciaroli, Manuela Romagnoli (Piangoli Legnami, Sorano nel Cimino, Viterbo e DIBAF Università della Tuscia, Viterbo)

Valorizzazione della filiera del castagno: dalla certificazione forestale alla marcatura CE

 

Michela Benato (Gruppo Morini, Abbadia San Salvatore, Siena)

Aziende boschive: problemi e soluzioni

Link

 

Giovanni Filiani (Regione Toscana, Direzione Agricoltura e Sviluppo Rurale, Settore Forestazione Usi Civici)

Il PSR come strumento per il sostegno alla gestione selvicolturale dei boschi

Link

Top page